Performance

GOCCE – Rituale di Comunità

IDEAZIONE, COMPOSIZIONE MUSICALE E COREOGRAFICA Federica Loredan

GENERE Danza e Body Music

MUSICA F.Loredan/M.Moro, B.Evans, A.C.Villani, G.Mucchi

VIDEO Danilo Guidarelli

 

  • Con il supporto di Resistere e Creare/Balletto Civile/Teatro della Tosse premiato con una menzione speciale (residenza in Autunno 2021 e supporto).
  • Selezionato per ResiDanze di Primavera/Teatri di Vita (residenza con accompagnamento maggio 2020

SINOSSI

Voci e canti per alleggerire il lavoro

Sorellanza per condividere la fatica

Una figura alchemica che immerge le mani nello sporco altrui,

nell’intimità, nei segreti, nella vergogna.

Cancellare le tracce, lavare le memorie e trasformare.

Tradizioni, destini e antichi saperi, dissolti nel tempo,

di cui restano solo GOCCE.

 

LO SPUNTO

Questa creazione nasce da una ricerca storica, sociale, antropologica; dal bisogno personale di sanare memorie restituendo loro in scena nuova vita; dall’interesse a sperimentare una rilettura di elementi tradizionali attraverso linguaggi moderni; dalla voglia di trasmettere il mio approccio multidisciplinare ad altre interpreti, sia per la dimensione collettiva del tema, sia per mettere in scena poliritmie e polifonie, sonore e visuali.

La figura della lavandaia prenderà vita nell’intreccio tra una danza di impatto e fortemente iconica come l’Hip hop , una tecnica antichissima come la Body music, composizioni ritmiche originali e tradizionali, gesti rituali.

 

LA STORIA E LA SIMBOLOGIA

La lavandaia andava di casa in casa a togliere i panni sporchi e riconsegnarli candidi. “E’una figura alchemica”, che trasforma ciò in cui gli altri non vogliono immergere le mani. E’una figura purificatrice, che incarna il parallelismo metaforico tra pulizia esteriore e pulizia interiore. “Lava le memorie della gente”. Strettamente legata al fiume e al simbolismo dell’acqua, elemento primordiale e femminile per eccellenza in tantissime mitologie.

Da Les Legendes Rustiques di G.Sandes agli studi di Yvonne Verdier, sono molti i testi che raccontano di un saper fare, di un immaginario, di usanze, simboli, che attribuiscono a questo mestiere dei poteri: accompagnare le tappe della vita nei momenti di passaggio (nascita e morte), arti divinatorie, saper rigenerare in accordo con i cicli della natura.

LA DIMENSIONE CORALE

Dopo essermi misurata in due Assolo che hanno viaggiato in 6 Paesi Europei in molti festival e musei, ho voluto sperimentare una creazione dedicata ad un Ensemble.

Le interpreti non rappresentano singole storie ma incarnano archetipi e vengono affiancate da un coro, come nell’antico teatro greco, un personaggio collettivo, la saggezza popolare, un punto di vista. Lo spettacolo infatti è pensato nella sua forma compiuta integrato a un laboratorio aperto a donne di ogni età, provenienza e formazione per poterle inserire in scena come comparse attive in un paio di quadri. Il momento di studio e ricerca, come quello performativo, sarà uno scambio, una sanazione collettiva, un rituale di comunità. Linee guida decise a priori daranno ai partecipanti del gruppo una struttura, con l’intento di fare accadere qualcosa di unico e irripetibile, sincero e legato all’energia del momento. Per questo reale. Ogni volta diverso.

La comunità come spazio rituale, come spazio protetto in cui sentirsi accolte e poter condividere senza giudizio i propri nodi, le proprie storie da sanare.

 

LA MUSICA E IL SUONO

Gli ambienti sonori di questo spettacolo sono una sovrapposizione di suoni concreti, voci, composizioni elettroniche, poliritmie tradizionali, brani originali in parte campionati live tramite l’utilizzo di loop station, in parte cantati dal vivo e in parte registrati.

La mia ricerca mi ha portato innanzitutto a incontrare persone-chiave dal vivo, realizzare interviste, raccogliere  le loro testimonianze e canti: un patrimonio immateriale, che resta in vita con dinamismo, adattandosi cioè al presente e nutrendosi di nuove tecniche.

 

IL MOVIMENTO

La mia ricerca è basata su un nuovo approccio, interdisciplinare, dove coreografia e musica non sono azioni separate ma si compenetrano. Suono – Movimento – Gesto – Narrazione sono per me strettamente correlati e in sinergia. Street dance, danza contemporanea, gesto rituale e danza sonora (dove il movimento stesso produce la musica) si fondono.

In questa creazione i panni hanno un ruolo determinante “L’abbigliamento non si limita a rivestire il corpo, ne modifica la materialità, le proporzioni, l’anatomia, le apparenze, il movimento, la percezione…veicolando e concentrando sulle parti scoperte tutta l’agentività del corpo vestito” . La donna che porta addosso come una seconda pelle i “panni sporchi” altrui, entra in relazione biunivoca col suo corpo, lo condiziona, lo amplifica, lo nasconde. Come se i tessuti potessero trattenere la memoria e l’energia di chi li ha indossati precedentemente. Come se la lavandaia fosse abitata da queste memorie.

PAGINA FACEBOOK

PAGINA INSTAGRAM

Newsletter


Ho letto l'informativa sulla Privacy resa ai sensi degli art. 13-14 del GDPR (general data protection regulation) 2016/679 e acconsento al trattamento dei miei dati personali per l’invio di newsletter periodiche via mail.